Bruxelles è diversa dalle altre destinazioni popolari che possono essere visitate durante lo scalo di una nave da crociera a Zeebrugge . Mentre Bruges , Gand e Ypres sono città relativamente piccole che sono definite dalla loro storia, Bruxelles è un importante centro urbano, che come capitale non solo del Belgio ma dell’Unione Europea, è molto del momento. Così, mentre Bruxelles ha siti storici, ha le attrazioni culturali, lo shopping, i caffè e i ristoranti di una città moderna.

Nel corso dei secoli, Bruxelles è passata di mano più volte. Passò sotto il controllo degli Asburgo e successivamente entrò a far parte della Francia. Dopo la sconfitta di Napoleone nel 1815, divenne parte dei Paesi Bassi.

Oggi la città di Bruxelles ha una popolazione di oltre 1,2 milioni di persone. Circa il 27 per cento sono stranieri, il che riflette il fatto che Bruxelles non è solo la sede dell’Unione europea, ma è anche la sede della NATO. Bruxelles è la città più grande del Belgio.

Le navi da crociera che fanno scalo a Zeebrugge, spesso, ma non sempre, offrono un’escursione a terra a Bruxelles. 

La capitale è a circa 70 km da Zeebrugge e le brouchure della compagnia di crociera stimano che un pullman impiegherà circa un’ora e mezza per fare il viaggio. Un treno da Blankenberge a Bruxelles via Bruges impiega più di un’ora, ma poi devi andare e venire dalle stazioni ferroviarie.

Bruxelles ha un moderno sistema di trasporto pubblico che include metropolitana, tram e autobus. 

La Città Bassa, il centro storico della città, è relativamente compatta e si presta a passeggiate. La nuova Città Alta è più estesa. Come nella maggior parte delle grandi città, ci sono autobus turistici hop-on hop-off.

In questa occasione, ho scelto di fare un’ escursione offerta dalla Compagnia per visitare Bruxelles. Come previsto, l’autobus ha impiegato circa un’ora e mezza per raggiungere Bruxelles.

La prima tappa di questo tour è stata la Grand Place (Grote Markt) nella Città Bassa. Un tempo la principale piazza del mercato della città, la Grand Place è ora un centro di attività a Bruxelles. Infatti, durante il nostro viaggio, erano in corso i preparativi per un festival serale.

Intorno alla Grand Place ci sono edifici storici.

Da un lato si trova il municipio gotico originariamente costruito nel 1402. (La maggior parte degli edifici della Grand Place fu ricostruita dopo che l’esercito di Luigi XIV bombardò Bruxelles nel 1695). Di fronte al municipio si trova la casa del re, costruita dal duca di Brabante all’inizio del XVI secolo come risposta aristocratica al municipio borghese. Ora è il Museo della Città di Bruxelles.

Ciò che è particolarmente memorabile della Grand Place sono le sale delle corporazioni riccamente decorate che popolano i lati della piazza. Statue dorate e altre decorazioni ricoprono i tetti e le facciate.

A pochi passi dalla Grand Place si trova il punto di riferimento più famoso e peculiare di Bruxelles. È una piccola statua di un ragazzo che urina. Nonostante l’oggetto insolito, i cittadini di Bruxelles adorano il Manneken Pis. Per le feste e le feste, il getto d’acqua dalla statua viene sostituito con birra belga.

Nessuno sa davvero perché la statua sia lì. Una storia marra di un ragazzino che sventò un complotto urinando sugli esplosivi. La statua attuale è del 1619 ed è attribuita a Jerome Duquesnoy il Vecchio.

In questa parte del tour, abbiamo anche attraversato le Galeries Royales Saint-Hubert. Costruito nel 1840, questo è stato uno dei primi centri commerciali coperti moderni in Europa. Sostituì un’area degradata con un elegante precursore dei centri commerciali di oggi che attiravano le persone della moda. Oggi contiene negozi, caffè e persino un piccolo teatro.

Per la nostra prossima tappa, siamo andati alla Cattedrale di San Michele e Santa Gudula, che prende il nome dai due santi patroni di Bruxelles. Si ritiene che ci siano state chiese in questo sito fin dal IX secolo. L’attuale struttura gotica fu iniziata nel XIII secolo e ci vollero circa tre secoli per essere completata, sostituendo una chiesa romanica dell’XI secolo.

Oltre ad essere una cattedrale, San Michele e Santa Gudula è la chiesa nazionale del Belgio. È qui che la famiglia reale viene per incoronazioni, matrimoni reali e altre occasioni di stato.

Ad eccezione di un periodo di tempo libero nella Città Bassa, il resto del tour è stato in bus passando per vari luoghi di interesse. 

L’Atomium è diventato il simbolo di Bruxelles. Costruito per l’Esposizione Universale del 1958, fu eretto come tributo all’era atomica. Progettato dall’ingegnere Andre Waterkeyn, rappresenta un atomo di ferro ingrandito 165 miliardi di volte. Alte 335 piedi, le sfere ospitano un museo e un ristorante, mentre i tubi ospitano scale, scale mobili e un ascensore nel tubo centrale. Anche se lontano dal centro della città, l’Atomium è una delle attrazioni più visitate di Bruxelles.

Sulla cresta di una collina, un arco trionfale su una strada collega due vasti colonnati. Questo è il Palacis du Cinquantenaire. L’arco collega il Museo Reale di Arte e Storia da un lato al Museo dell’Esercito Belga e al Museo di Storia Militare dall’altro.

Non puoi vedere tutto ciò che vale la pena di vedere in una grande città durante un tour di un giorno. Nella migliore delle ipotesi, hai un assaggio della città e la certezza che ritornerai.

 

 

close
Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.